Data: 20/04/2017

Riceviamo e pubblichiamo - PIENO SUCCESSO PER LO SCAMBIO CULTURALE IIS ‘CASSATA-GATTAPONE’ E ‘LICEO CARL-FRIEDRICH GAUSS’ DI SCHWANDORF

Il desiderio espresso due anni fa dagli istituti  IIS ‘CASSATA-GATTAPONE’  e  ‘LICEO CARL-FRIEDRICH GAUSS’ DI SCHWANDORF  in Germania  di riconfermare lo scambio tra studenti italiani e tedeschi,  è stato esaudito e  nei giorni scorsi, dopo un’intensa cinque giorni eugubina,  gli ospiti tedeschi hanno lasciato  Gubbio per tornare a Schwandorf. Durante il soggiorno  gli studenti stranieri accompagnati dai loro docenti  Sarah Adams, Beate Kariopp e Sebastian Namyslow hanno visitato in modo approfondito Gubbio (visita in trenino, Palazzo Ducale, Palazzo dei Consoli, Biblioteca Sperelliana ) insieme agli alunni del ‘CASSATA GATTAPONE’, per poi recarsi ad Assisi e Perugia dove, grazie alla visita guidata svolta da parte di preparatissime docenti, hanno avuto modo di apprezzare le intatte bellezze umbre. Tutti gli studenti hanno, inoltre, partecipato ad attività interessanti e coinvolgenti, quali ad esempio una lezione interattiva di lingua italiana, esperienze laboratoriali di  miniatura e stampa tipografica  presso l’associazione ‘Arte Libro unaluna’  e la presentazione del libro  ‘Nel segno dei padri’  di G. Marinelli Andreoli, ottima occasione di conoscenza di eventi storici e personali. Il gruppo di tedeschi è stato caldamente ricevuto nella sala consiliare di Palazzo Pretorio dal  sindaco  Stirati e dall’assessore Ancillotti,  che hanno sottolineato il valore di tali  scambi  culturali e l’importanza di obiettivi e ideali comuni, condivisi a livello europeo.  La settimana si è conclusa, come d’abitudine, con la ‘Farewell Dinner’ nell’ospitale  Taverna di Sant’Ubaldo, uno dei luoghi più caratteristici dell’eugubinità, in cui gli ospiti hanno potuto godere dell’atmosfera festante e della tipica cucina ceraiola. Un sentito ringraziamento per la disponibilità e preziosa collaborazione va a tutte le famiglie, al dirigente scolastico Nadery, alle docenti della Commissione Progetti Europei , al personale ATA e a tutti i docenti che hanno partecipato.   Non resta altro che auspicare  la prosecuzione di tali significative esperienze, insostituibili e importantissime occasioni di crescita per i giovani studenti.